Ci sono alcuni accessori fotografici essenziali, personalmente riduco sempre al minimo la mi attrezzatura per poter risparmiare peso e spazio. Sono quindi pochi gli accessori che mi porto sempre dietro mentre ci sono alcuni accessori che mi porto solo in particolari condizioni.

Questa non è una lista da rispettare sempre ma va adattata al vostro stile di fotografia, al posto dove andrete e a seconda del tempo che ci starete. Sta a voi decidere cosa vi serve, l’atrezzatura per una settimana in kenya o per un pomeriggio al parco è naturalmente diversa.

Batterie di scorta

Magari potreste dire che non è un proprio un accessorio ma è indispensabile avere una buona autonomia, specialmente si si fanno anche video, ma anche in caso di pose lunghe.
Portatevi sempre dietro almeno una batteria di scorta, immaginate la brutta sensazione se a fine giornata proprio davanti a un bel tramonto vi ritrovate con la reflex scarica.

maxresdefault

Schede di memoria

Le schede di memoria sono direttamente proporzionali alla vostra autonomia delle batterie, ogni reflex ha dimensioni di foto differente e dipende se scattate in RAW o in JPG.
Anche in questo caso dovete essere voi a gestirvi, ricordatevi sempre di svuotare le vostre schede di memoria prima di un viaggio.
Ps: Scattate sempre in RAW 😉

Treppiedi

Ne esistono di tutte le dimensioni e prezzo, si pare dal “Cinesino” da 20 € fino a dei treppiedi da 1000€ o più.
Sono spesso considerati ingombranti e pesanti ma portarsene dietro uno può fare la differenza tra una bella foto e una brutta specie nel caso di scatti con una lunga esposizione ma ache nel caso di HDR.
Non vi dirò di portarvi sempre il vostro treppiede migliore per le foto ma di avere con se sempre almeno un alternativa come queste:
Manfrotto pixi evo :
treppiede estremamente piccolo ma molto stabile e incredibilmente robusto e con un spesa di appena 20€ avete un piccolo treppiede da potarvi sempre dietro. Consigliatissimo.

Manfrotto Befree:
Uno dei migliori treppiedi da viaggio con una dimensioni abbastanza standard da aperto e un dimensioni molto ridotta da chiuso con un peso ridotto.

questi sono solo 2 esempi di treppiedi compatti, l’altra alternativa sono i treppiedi “cinesi” quelli che si comprano ovunque con pochi euro, il classico treppiedi dove si dice “costa poco se si rompre non mi interessa”, anche se io sono assolutamente contro questa soluzione perché sopra ci appoggiate migliaia di euro sopra, spendere qualche soldo in più per un buon treppiedi non è una brutta spesa.

Potete prendere in considerazione anche un gorillapod, la versione reflex dichiara una portata fino a 3 kg, ottimo per la classica attrezzatura.

Io personalmente ho praticamente sempre con me il Manfrotto pixi evo e a seconda delle situazioni ho con me altri treppiedi e nel caso di video ho anche una testa fluida.

Pompetta con pennello.

Economico e diffusissimo la pompetta per l’aria e il pennellino per pulire obiettivi e sensori in modo rapido ovunque vi troviate.

Filtro polarizzatore.

Molto sottovalutato, molti credono che si possa usare per la sola paesaggistica, invece ha innumerevoli usi. Può infatti togliere riflessi e rendere il cielo di un blu molto più naturale per evitare sovraesposizione  e poter risparmiare tempo in post produzione